GERARDO BALESTRIERI

omaggia Corto Maltese nel nuovo concept album intitolato

CANZONI DEL MARE SALATO

(Dal 21 novembre 2019 - Egea distribuzione)

“Il 26 luglio 1864, sotto un forte vento da nord est un magnifico yacht stava solcando a tutto vapore le acque del Canale del Nord.”

 

L'idea di pubblicare un disco dedicato a Corto Maltese, senza che nell'album Corto sia mai menzionato, di attraversare con la musica i testi e le storie del marinaio gentiluomo di fortuna creato da Hugo Pratt, è acquatica-mente balenata a Balestrieri un po' di tempo fa. Il risultato è il concept album che avete tra le mani e che percorre cronologicamente dieci anni di avventure di Corto a partire dal 1913 anno in cui è ambientata Una ballata del mare salato. Un disco che canta personaggi e caratteri reali e immaginari. Da Pandora a Rasputin, Tiro Fisso e Bocca Dorata, Tristan Bantam, Cush, Morgana e molti altri.

Balestrieri è partito dalla stesura dei testi per poi arrivare alle musiche cercando il gusto esotico dello stesso Pratt che di musica ne sapeva. Una circumnavigazione onirica tra buffo ed esotico, oscurità, abbandono e meraviglia che parte dalla Melanesia, attraversa Sud America, Africa, Europa, il medio e l'estremo oriente per concludersi in Argentina. Un disco che ha come intermezzo una filastrocca dedicata alla laguna di Venezia, alla città e ai suoi pesci; canzone non prevista arrivata da sola con la fine pronta prima del suo inizio, quasi a non voler contraddire lo stesso Pratt quando sosteneva che per scrivere una buona storia occorre avere ben chiaro il finale.

 

TRACKLIST

 

01 Pandora

02 Il mondo di Mu

03 Appuntamento a Bahia

04 Samba con Tiro Fisso

05 La finestra d' oriente

INTERMEZZO

06 La filastrocca delle isole e dei pesci

07 Banshee

08 Cush

09 Corte Sconta detta Arcana

10 Rasputin

11 Favola di Venezia

12 La casa dorata di Samarcanda

13 Tango di Fosforito

 

Gerardo Balestrieri: testi, musiche, produzione artistica, arrangiamenti, editing.

Peppe Giaquinto: mixaggio, editing, produzione artistica.

Lorenzo Calza: disegno di copertina.